Certificazione dell’amministratore: cos’è e che garanzie dà?

Amministratore certificatoIn Italia ogni individuo può amministrare un condominio; ma che garanzie ha il condominio? La frequenza di corsi e l’esperienza aiutano certamente ad arricchire le competenze del professionista. Ma sono sufficienti? Di recente è stata introdotta la certificazione dell’amministratore di condominio secondo la norma Uni 10801:1998, uno strumento che permette al professionista di distinguersi sul mercato dimostrando il possesso di competenze verificate da un organismo di parte terza il quale, inoltre, garantisce che queste competenze vengano mantenute nel tempo.

Permette inoltre finalmente ai condòmini di basare la scelta del proprio amministratore su elementi certi e non su un semplice passaparola sull’affidabilità o meno di un determinato professionista. La verifica delle competenze avviene attraverso un esame, costituito da una prova scritta e da una prova orale nel corso della quale la commissione approfondisce vari argomenti: dal codice civile e il diritto di proprietà al regolamento di condominio e le tabelle millesimali, dalla gestione amministrativa all’appalto e alla disciplina edilizia e catastale, dalle nozioni base di impiantistica degli edifici alla prevenzione degli incendi e alla certificazione energetica.

ICMQ S.p.A.

 

 

 

Rispondi